stefano elmi

Cambio di gestione per il rifugio della Vetricia

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Cambio di gestione al Rifugio Alpino ‘Santi’ de La Vetricia a 1345 metri sull’Appennino alle spalle di Barga.

Michele Sordi e Mariangela Grassi, che hanno lavorato a tempo pieno ed hanno trasformato il rifugio nella loro prima residenza, garantendo così un servizio continuo agli escursionisti che si trovavano a passare da quelle parti, lasciano a seguito di problemi familiari.

Difficile sembrava trovare qualcun’altro che come loro fosse disposto a fare la medesima scelta ed invece le sorprese non mancano.

La giovane coppia Naik Marovelli ed Elisabetta Malerba, che durante la scorsa estate hanno gestito, assieme alla famiglia Balducci, il rifugio di Cava 27, in Val Serenaia sulle Alpi Apuane, si trasferiranno prima del periodo natalizio a La Vetricia e rileveranno l’attività portata avanti con tanta passione da Michele e Mariangela.

Negli anni non sono mancanti gli attriti fra i gestori uscenti e l’ASBUC (amministrazione separata dei beni di uso civico) guidata da Dario Pierantoni. Infatti, interpellando le più svariate persone, a detta di tutti, in questi anni l’ASBUC non è stata in grado di incentivare e promuovere adeguatamente le potenzialità di un rifugio, che con parecchi sacrifici Michele e Mariangela, hanno tenuto aperto durante tutto l’arco dell’anno.

Un paradossale disinteresse da parte dell’amministrazione ASBUC per un certo tipo di sfruttamento della montagna (escursionistico ealpinistico). Il considerare il luogo con estrema gelosia ad appannaggio quasi esclusivo di cercatori di funghi e cacciatori, non fa comprendere la vera fortuna di trovare persone disposte a tenere aperto tutto l’anno un rifugio garantendone anche un certo grado di manutenzione.

Non si capisce neanche il voler a tutti i costi asfaltare la strada che lo collega a Renaio, se poi ad ogni nevicata nessun mezzo comunale o della Comunità Montana è mai andato a pulire, se non a distanza di parecchie ore, lasciando così alle volta isolata quella che di fatto è anche un abitazione.

Speriamo quindi che le cose cambino, anche per il crescente numero di escursionisti che giungono qui dal resto della provincia e della Toscana; e speriamo che Naik ed Elisabetta, nel prosieguo del lavoro iniziato da Michele e Mariangela, sapranno dare la giusta dimensione a questa antica osteria di viandanti e contrabbandieri posta a metà strada fra la Toscana e l’Emilia.

2
Leave a Reply

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
ugo conti ugo contiron gauld Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
newest oldest most voted
Notify of
ron gauld
Guest
ron gauld

Ben scritto Stefano. Tutti noi chi piace andare alla montagne dobbiamo ringraziare Michele Sordi e Mariangela Grassi chi hanno fatto tanto per attrare la gente alla Vetricia. Benvenuti a Naik Marovelli ed Elisabetta Malerba ed Auguri per il futuro.
Non capisco perché anche se l’ASBUC ha fatto asfaltare alcuni pezzi della strada da Renaio verso la Vetricia rimangano sempre pezzi disfatti??

ugo conti ugo conti
Guest
ugo conti ugo conti

PUNTI DI VISTA Quanto riportato nell’articolo è FALSO, non esiste nessun cambio di gestione (Rif. Dott. Paolo Canozzi Commercialista della Sig.ra Grassi Mariangela) Circa i rapporti fra la gestione del rifugio e ASBUC, forse è il caso di sentire personalmente e non per sentito dire la Sig.ra Grassi Mariangela. Circa gli interventi di ASBUC per il rifugio, Solo dell’ultimo anno Rifacimento palizzata e realizzazione di circa 20 posti auto, potenziamento della linea idrica. Circa gli interventi a favore della gestione (sono di carattere privato ma parliamo di contributi in ragione di €. 1.500,00 solo per l’anno 2011) Circa l’eco turismo,… Read more »