flavio guidi

Stefano Bollani e i Visionari consacrano l’edizione 2012 del Barga Jazz festival

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Non era mai successo nella storia del Barga Jazz festival, dei suoi venticinque anni di onorata esistenza che in una sera si ritrovasse così tanta gente ad assistere ad un concerto. Ci ha pensato Stefano Bollani, il grande Stefano Bollani che con i suoi altrettanto grandi amici Visionari (Mirko Guerrini al sax tenore, Nico Gori al clarinetto, Stefano Senni al contrabbasso e Cristiano Calcagnile alla batteria) ha regalato a tutti una serata indimenticabile. Forse non c’erano tutte le 1.000 persone che potevano riempire la grande area del piazzale del Fosso, ma ci siamo andati vicini. Ottocento, forse novecento persone sono salite a Barga per ascoltare il numero uno del pianoforte jazz italiano, musicista di fama internazionale che ha collaborato con gente del calibro Chick Corea, Caetano veloso, Richard Galliano, Gato Barbieri, Pat Metheny, Phil Woods, Lee Konitz, Paolo Fresu, Enrico Rava, il suo mentore. Che riesce bene, anzi benissimo, anche quando si cimenta nella radio e nella televisione; che ha calcato i palchi più importanti del mondo.

Ed hanno fatto bene ad arrivare in tanti perché lo spettacolo valeva assolutamente i soldi del biglietto. Tra una esecuzione magistrale e l’altra (è arrivato anche a sorpresa il grande Gianluca Petrella a dar manforte, che nelle prossime sere sarà la guest star del concorso internazionale di arrangiamento e composizione) Bollani ed i Visionari hanno fatto tutto quello che ci si aspettava da loro e forse anche di più. Hanno giocato, scherzato, suonato, intrattenuto, incantato. Cavalcando il più raffinato jazz e mescolandolo a tanti altri generi, fino ad arrivare agli influssi popolari ed etnici. E’ stato un concerto completo, nel senso che non è mancato tutto quello che ci si aspetta da un grande in mezzo ai grandi. Lo spettacolo c’è stato tutto ed anche la musica. Fino all’ultimo brano, fino all’ultima nota.

Se ne volete sapere di più intanto ci dispiace per voi che non eravate presenti, ma almeno cerchiamo di darvi una mano: regalandovi queste immagini e poi guardando ed ascoltando il video del concerto. E se non siete ancora sazi, ma noi ve lo consigliamo vivamente, offrendovi l’intervista che con Stefano Bollani abbiamo realizzato poco prima del concerto di Barga.

Dunque ed in sostanza, una serata da incorniciare sotto tutti i punti di vista. Per il grande pubblico, per l’eccellente musica, per la grande qualità e l’entusiasmo di Bollani e di tutti gli atri artisti saliti sul palco del Fosso. Quasi una firma, un timbro di questa edizione 2012 del Barga Jazz Festival che indubbiamente ha segnato un altro passo importante, ha salito un alto gradino, verso la definitiva consacrazione (ma ce n’era bisogno?) come uno dei festival jazz più importanti a livello nazionale.

Adesso si entra nel concorso. Venerdì 24 e Sabato 25 prende il via l’edizione numero 25 del concorso internazionale di arrangiamento e composizione per Orchestra Jazz. Protagonista indiscussa di questi due appuntamenti (teatro dei Differenti ore 21,30) la BargaJazz Orchestra diretta come sempre da Bruno Tommaso con un ospite d’eccezione, Gianluca Petrella.
Inoltre l’orchestra di Barga avrà ospite uno dei jazzisti italiani contemporanei più apprezzati sulla scena internazionale, Gianluca Petrella. Il binomio Sun Ra – Petrella non è nuovo visto che il trombonista ha spesso frequentato la musica di Sun Ra facendone una delle sue principali fonti di ispirazione.
Ecco i brani in concorso: per la sezione A (arrangiamenti su brani di Sun Ra) sono stati selezionati: Michele Corcella con “Saturn”, Francesco Ganassin con “Where Pathways Meet”, Salvatore Cirillo con “Where Pathways Meet”, Lorenzo Agnifili con “We Travel The Spaceway”, Giuliano Nora con “Dancing Shadows” e Benedetti Federico con “Saturn”.
Per la sezione B (composizioni originali) sono stati selezionati: Nicola Corso con “24 Hours” Denis Feletto con “Are You Funking Kidding Me ?”, Ettore Martin con “Airsong”, Alessandro Inglese con “Away From Here” e Attilio Pisarri “Who Wonts Pici?”
Presenterà le serate la cantante lucchese Michela Lombardi che riveste ormai il ruolo di presentatrice ufficiale del concorso ma che eseguirà il 25 agosto alcuni brani accompagnata dalla sezione ritmica della BargaJazz Orchestra.
Nel Pomeriggio del 25 agosto alle ore 18 presso il BargaJazz Club in Via del Pretorio seminario su Sun Ra a cura di Francesco Martinelli.
Sempre fino al 25 agosto, ogni sera dalle ore 23:30 “Enojazz”, le incredibili jam session con i protagonisti del festival presso Villa Moorings dove per le sere del 24 e 25 non mancherà anche Jazz 4 Dinner, cena a base di jazz a cura di ristorante Scacciaguai con musica jazz live: 24 agosto ore 21:00 Jambona Trio; 25 agosto ore 21:00 Leo Boni & the 55Per informazioni e prenotazioni: www.bargajazz.it –info@bargajazz.it –
www.barganews.com – tel. 0583 723860

 

4
Leave a Reply

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
fviviano Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
newest oldest most voted
Notify of
fviviano
Member

To Team Rizzardi: Bravi, Bravi, Bravi.