keane
No Comments

Aristo’s Corner Festival 3^ serata

Fabio Balzano : chitarra/voce | Giacomo Tosti Giacobazzi : fisarmonica

images from barga (LU) Italy

images from barga (LU) Italy

images from barga (LU) Italy

images from barga (LU) Italy

images from barga (LU) Italy

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Balzano è un cantautore e musicista italiano nato il 5 settembre 1978 e cresciuto a Firenze
Le origini siciliane e il legame di sangue con Rosa Balistreri, lo portano ben presto ad appassionarsi al mondo della musica.
Nel 1995 inizia a suonare influenzato dal jazz e blues americano, tra cui compositori del calibro di Billy Cobham e Herbie Hancock e da chitarristi statunitensi tra cui Scott Henderson, John Scofield, Pat Metheny.

Abbandonate in parte le prime influenze musicali Balzano inizia a comporre nel 2010, in un primo momento per la band Sei Pollici, formatasi in onore del genio di Charles Bukowski, per poi intraprendere la carriera da solista.
Nel 2013 dall’incontro con Gianfilippo Boni, cantautore e produttore artistico,iniziano le registrazioni dell’album d’esordio “..per 10 minestre” che verrà pubblicato nel febbraio 2015

Etichetta : DIVINAZIONE TERZO MILLENNIO
Produttore : Francesco Caprini

Nel progetto collabora con:
MAURIZIO GERI chitarre
ANDREA MELANI batterie
NICOLA CELLAI trombe
GIACOMO TOSTI pianoforte e fisarmonica
GABRIELE SAVARESE chitarra -mandolino-violino
MARCO ZENZOCCHI basso fretless
MIRCO CAPECCHI contrabbasso
CLAUDIA BORGHESI voce cori

“per 10 minestre” trasmette, come in tutto il repertorio di Balzano, il riavvicinamento alle radici italiane.
Dalla musica di Giorgio Gaber, Paolo Conte, Adriano Celentano, Daniele Silvestri e Vinicio Capossela, si delinea nei testi la volontà di evasione dal sistema, attraverso una rabbia antica e ancestrale, colonna portante della storia del cantautorato italiano.
Nei brani proposti si delinea una forte teatralità ,che lo portano a presentarsi nei panni di un cantastorie che illustra l’attualità, con ironico sarcasmo e poesia. Gli eccessi, l’abbattimento delle regole e le provocazioni tengono con armonia le fila, come nella trama di una fiaba, e creano nella musica immagini evocative e oniriche di un mondo ben conosciuto e in decadenza.

Leave a Reply

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notify of