keane
No Comments

Andrea Perelli ‘I colori ‘dentro’ – Emma Morton and the Graces

"unplugged" session at the OlioSuTavola in Lucca

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Strong emotions in Lucca this evening at the restaurant, Olio Su Tavola at the exhibition of paintings by Andrea Perelli called ‘I colori ‘dentro’

Emma Morton and the Graces were playing what was billed as an “unplugged” session, but in fact Luca Giovacchini’s guitar was very definitely wired up and was anything but an acoustic session.

The band have played more than 50 concerts over the past few months and there is now a form of unspoken communication among the group whilst playing which ties them altogether into a compact and versatile machine and added to which the voice and stage presence of Emma Morton just gets stronger and stronger.

Look out for their new CD when it will be released later on this spring.

OlioSuTavola Food, Drinks & Art

OlioSuTavola è situato tra il Duomo di San Martino e Piazza Napoleone, nel cuore del meraviglioso centro storico di Lucca. OlioSuTavola è una Galleria D’Arte con ristorante, particolarità che a Lucca ne fa un posto unico.

I locali sono distribuiti su cinque ariose sale e sul retro si apre un delizioso e fiorito cortile interno. Tutti gli spazi ospitano istallazioni permanenti di artisti e periodicamente mostre temporanee: le sculture le foto e i dipinti degli autori in esposizione sono contemporanei, dalla seconda metà del novecento fino ad oggi.

All’ingresso un ampio ed elegante bancone da bar la sera si rinnova in un ricco buffet da aperitivo. La luce naturale del giorno, la sera si modifica con i lampadari di design e le luci colorate, creando un’atmosfera rilassata e conviviale. – their site can be seen here

 

 

Exhibition: Andrea Perelli ‘I colori ‘dentro’

I colori hanno un significato archetipico e soprattutto un’energia propria. Dietro ogni colore per me, consapevolmente o inconsapevolmente, c’è una storia, un sentimento, un ricordo, un’emozione, un momento di gioia o di dolore. I colori “dentro” sono racconti della mia vita.

Questa esposizione propone quadri che ho dipinto in questi ultimi quindici anni e, come sempre è accaduto, vogliono raccontare il mio mondo interiore, quelle esperienze che mi hanno segnato e insegnato. Dipingere è un’azione paziente e meditativa. Paziente, perché nel tempo mi ha insegnato ad essere meno precipitoso. Meditativa perché nel silenzio e nel ripetersi del gesto, entri, come con il respiro, dentro di te.

I titoli e le storie riportate accanto ad ogni quadro sono un piccolo aiuto alla comprensione, ma quello che conta è lasciarsi guidare dalla propria fantasia, senza limiti e immagini preconfezionate, come quando si legge una storia o si ascolta una musica: ognuno attinga nella propria mente e nel proprio cuore le emozioni che i colori suscitano e si lasci scaldare dal colore che lo attrae di più.

Andrea Perelli nato a Lucca il 5 ottobre 1953 dove tuttora risiede e lavora come architetto e pittore.
Conseguita la maturità artistica presso il Liceo Artistico di Lucca nell’anno scolastico 1970-71, si è iscritto alla Facoltà di Architettura dell’Università degli studi di Firenze.

Durante tutta la sua vita ha svolto con passione ed entusiasmo l’attività pittorica partecipando a molte mostre collettive e concorsi di pittura.
Come mostre personali ha allestito:
ottobre 1974 prima personale presso la galleria Spampanato di Lucca;
maggio 2000 “I paesaggi dell’anima” nella Chiesa di S. Cristoforo – Lucca;
dicembre 2006 “I monti del Signore” presso la “bottega 27” a Lucca e a Firenze sala espositiva presso I Ricostruttori;
luglio – agosto 2008 nel castello di Sarteano (SI);
ottobre 2012 “Vegliate e pregate in ogni momento” chiesa di S. Pietro Somaldi – Lucca. – his site can be seen here

Emma Morton – When I started writing material for EM+TG’s new album I knew it was time to stop trying to delicately sew sounds around me and count on glitter thread.
I had to get deep into the mud, roll my sleeves up and start moulding my own dark sound shadow from the roots and tell real stories of hard times, heavy strides.
I’ve never been able to separate myself much from my creative endeavours, it comes natural to me to contaminate. Throughout the process of writing and producing the album I began to regularly exorcise some of the Devils who for years, had held the upper hand over my head and heart.

I began exposing and celebrating my flaws – not only in songs, but in my every day life. I started belting my war-cry and now I feel like I’m running full-throttle into the flames, cool as a fucking icey margherita.

I never would have been able to translate my stories into the wild soundscape and wicked journey that is EM+TG’s first record without the GRACES.

Their fire and grit are what drive our machine forward. I feel like they have ancient souls, they know how to get in there and pull the raw truth out of me, colouring it on the way, making it glint from the dark.

 

 

 

Leave a Reply

Be the First to Comment!

Notify of