keane
No Comments

Barga Jazz Club – Michele Marini Organic Trio

Michele Marini - Sassofoni e Clarinetto | Lorenzo Frati - Organo Hammond | Emiliano Barrella - Batteria

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tra le varie formazioni musicali del clarinettista e sassofonista Michele Marini, già apprezzato da critica e appassionati al fianco di Maurizio Geri, Riccardo Tesi, Claudio Carboni, Gabriele Mirabassi, si inserisce il progetto dal nome emblematico: “Michele Marini OrganicTrio”. Protagonista indiscusso del trio è infatti l’organo. Non il classico organo, ma il caratteristico Hammond, strumento elettronico, dal timbro vibrante ed energico, non consueto da scoprire in formazioni jazz. Alla guida della sezione ritmica troviamo Lorenzo Frati, giovane pianista-compositore ed Emiliano Barrella, batterista con alle spalle collaborazioni prestigiose in ambito nazionale e internazionale.

Nel 2015 esce per Visage Music “Changemood” il primo album del gruppo che contiene composizioni originali firmate da Marini e Frati. L’ispirazione viene dal mondo del Jazz/blues , della fusion e della world music.

Nel 2017 esce per la Materiali Sonori “Quintauro”, ulteriore capitolo della ricerca musicale del trio, che continua il suo percorso oltre i canoni tradizionali del jazz. Coinvolti molti ospiti di prestigio: Riccardo Tesi, Maurizio Geri, Nicolò Bottasso, Simone Bottasso, Elias Nardi, Daniele Donadelli.

Dal 2013 il Trio ha tenuto molti concerti in tutt’Italia, ha partecipato a prestigiosi festival e nel 2015 è risultato vincitore del MEI Contest “Jazz dei Giovani “ realizzato insieme alla rivista Musica Jazz.

Michele Marini si è diplomato al Conservatorio L. Cherubini di Firenze, sotto la guida di Fabio Battistelli. Ha suonato con la Vienna Art Orchestra nel 2009 come clarinetto solista e nello stesso anno è stato decretato vincitore del premio “Luca Flores” come miglior solista Jazz al Barga Jazz Festival, mentre nel 2010 vince il Concorso Stefano Iacopini come miglior giovane sassofonista. E’ inoltre protagonista in diverse importanti formazioni e ha suonato (come solista, sassofonista, clarinettista e co-arrangiatiore) in album come “Secondo a nessuno – Omaggio alla musica di Secondo Casadei” di Cludio Carboni (2010, Sheherasade/Egea), “Tito Tariero” e “Swing a Sud” del Maurizio Geri Swingtet (rispettivamente 2013 e 2015, Materiali Sonori e Visage Music), “Cameristico” di Riccardo Tesi (2012, Visage Music), “Balland Kramer” di Michele Marini & Daniele Donadelli (2013, Sheherazade), “Bella Ciao” di Galeazzi/Ledda/DiMarco/Tesi (2015, Visage Music), “Partenze” di Massimo Donno (2015, Visage Music).

Lorenzo Frati comincia lo studio classico all’età di sei anni, dal 2006 al 2011 segue le lezioni di piano jazz di Piero Frassi e si perfeziona in “jazz performing” con Valerio Silvestro. Si laurea in Musicologia presso l’Università di Firenze con uno studio sulla ricezione del jazz in Italia.

Emiliano Barrella si è laureato in batteria e musica jazz rispettivamente al Conservatorio Puccini di La Spezia e al Conservatorio S.Pietro a Majella di Napoli. Ha collaborato e si é perfezionato con musicisti come John Riley, Kurt Rosenwinkel, Dado Moroni, Maurizio Giammarco, Marco Panascia, Roberta Gambarini e Riccardo Arrighini.


Michele Marini – Sassofoni e Clarinetto | Lorenzo Frati – Organo Hammond | Emiliano Barrella – Batteria

Leave a Reply

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notify of