flavio guidi

L’ultimo incontro con la Befana

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nonostante la stanchezza per il tutto volare di qua e di là con la sua scopa, a portare regali ai bambini in ogni dove, la befana non ha mancato l’ultimo incontro con i bambini. Proprio l’ultimo, prima di godersi un po’ di meritato riposo ritirandosi solitaria nella sua casina tra i boschi di Pegnana, con la sola compagnia degli uccellini e delle sue caprette.

 Questo pomeriggio è stata infatti di nuovo festa alla casina della Befana di Pegnana, dove la vecchina di monte ha incontrato grandi e piccini, dispensando, soprattutto ai più piccoli, dolci parole, una carezza e qualche caramella.

 A darle man forte anche i volontari dell’Associazione Perché la tradizione ritorni, pronti ad accogliere i visitatori con cose buone da mangiare, ma anche con tanti piccoli oggetti ricordo da portarsi a casa; souvenir di un incontro davvero unico che avviene solo nei monti di Barga: quello con la Befana appunto.

 Per far fronte al notevole numero di visitatori, la strada di Pegnana è stata trasformata a senso unico e per il ritorno è stato necessario percorrere la via vecchia di Renaio. Centinaia le auto ed i camper presenti, ma soprattutto centinaia le persone arrivate in Pegnana; tante famiglie con bimbi al seguito che non si sono lasciati scappare l’occasione per rivolgere uno speciale ringraziamento alla befana, che anche stavolta, salvo rare eccezioni, ha portato a tutti tanti bei giochi invece del carbone.

[dw-post-more level=”1″]

Dopo questo appuntamento la Befana va in ferie, ma se lo merita veramente. Ha lavorato ininterrottamente ogni domenica, dall’autunno fino ad ora, ricevendo 3500 visitatori e circa 150 scuole.

Un lavoro gravoso, reso possibile come detto anche  dai tanti volontari dell’Associazione, che avrebbero forse bisogno di una mano in più, dato che il lavoro è tanto. Per tutto questo anche noi vogliamo ringraziare la Befana ed i suoi aiutanti. Per i sogni e per la magia che di anno in anno sanno regalare ai nostri bambini, ma anche a tutti noi.

[/dw-post-more]

 

Leave a Reply

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notify of