Sara Moscardini

Il lato positivo

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pat Solitano (Bradley Cooper) esce dalla degenza in una clinica psichiatrica dove era finito dopo aver pestato a sangue l’amante della moglie, nei confronti della quale ha subito un ordine restrittivo. Accolto a casa da una famiglia che, nella sua normalità, è disturbata non meno di lui (il padre – Robert De Niro – basa la sua esistenza su sindromi ossessivo – compulsive e, perso il lavoro, si è riciclato scommettitore), Pat fissa come prossimo, martellante obiettivo della propria vita riconquistare la moglie, diventando la persona che lei aveva sempre desiderato. A complicare le cose, oltre ai continui attacchi bipolari, arriva Tiffany (Jennifer Lawrence che per questo ruolo ha vinto il premio Oscar), da poco vedova e con una psiche altrettanto complicata. Tiffany si offre di aiutare Pat a consegnare alla di lui moglie una lettera, in violazione all’ordine restrittivo, se Pat le farà da chaperon a una gara di ballo cui lei ha sempre voluto partecipare.

Tratto dal libro “L’orlo argenteo delle nuvole”, “Il lato positivo” è una commedia gradevole che, nonostante voglia trovare il proprio fulcro nel tema della malattia mentale, ha scelto di dare a tutta la storia un’aria di leggerezza ed ottimismo che vuole rispecchiarsi nel titolo italiano. La malattia mentale è vista come un isolante dalla famiglia e dal resto della società: la solitudine palese di Pat o di Tiffany (bravi gli interpreti) risalta nei rapporti interpersonali che essi non riescono a condurre, perché puntualmente fraintesi, perché ormai non più in grado di gestire situazioni, momenti o abitudini. Ma la netta dipendenza sviluppata da entrambi (l’idea della moglie per lui, il sesso e gli psicofarmaci per lei) svela quell’insopprimibile desiderio di interazione insito nell’essere umano. L’amicizia e la comprensione che nascono tra loro sono la medicina giusta: inizialmente ammorbata dalle esperienze precedenti, la forza del sentimento della vita vera irrompe e spazza via le loro fissazioni, virando dai toni della pellicola impegnata a quelli della commedia rosa.

Nonostante alcune scelte semplicistiche e didascaliche che appesantiscono talvolta il percorso, “Il lato positivo” porta inevitabilmente a riflettere sugli atteggiamenti del quotidiano e sulla bellezza che si può trovare nell’affacciarsi  alla relazione con chi ci circonda.

 

Leave a Reply

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notify of