keane

Operabarga – Federico Maria Sardelli fa rivivere Il Tigrane

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Antonio Vivaldi in scena al 44° Festival Opera Barga. Lunedì 27 giugno 2011 alle ore 12.00 si è tenuta presso Sala Consiliare del Comune di Barga (LU) la conferenza stampa di presentazione del quarantaquattresimo Festival Lirico Internazionale Opera Barga, in programma dal 2 al 10 luglio prossimi.

Due sono i progetti intorno ai quali è imperniata l’edizione 2011 del Festival: la messa in scena de Il Tigrane di Antonio Vivaldi, diretto da Federico Maria Sardelli, un nome che ha fatto la storia del Festival nel decennio scorso, (interview with Sardelli here) con la sua orchestra barocca Modo Antiquo per la regia di Dagny Hornig, regista tedesca di grande esperienza, che propone una rivisitazione moderna e vibrante di questo complesso intreccio di passioni e violenza, e una nuova edizione di Musica nei Borghi, un laboratorio di produzione di musica da camera che si sposta in diverse località, reso possibile grazie alla collaborazione con l’Ensemble le musiche di Simone Bernardini e i Comuni di Barga e Bagnone.

Il Tigrane, ancora inedito alla pratica teatrale dei nostri giorni, nasce come opera pastiche a tre mani affidata a Vivaldi e ai compositori romani Benedetto Micheli e Nicola Romaldi, che scrissero, rispettivamente, il primo e il terzo atto. Del lavoro di questi due compositori restano oggi solo tre arie, mentre l’intero secondo atto vivaldiano è fortunatamente conservato intatto grazie alla cura con cui il grande compositore teneva il proprio archivio personale, oggi confluito negli archivi della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino.

Viene pertanto messo in scena un atto unico, che è però il cuore del Tigrane, che torna sulle scene italiane dopo secoli di oblio. Il libretto originale di Francesco Silvani s’intitola pomposamente La Virtù trionfante dell’amore e dell’odio, ossia Il Tigrane: mentre Vivaldi intitola il suo autografo semplicemente come Il Tigrane. Le famosa gesta di Mitridate e Farnace rivivono sotto questo titolo, in un intreccio pieno di passioni, tensioni, tradimenti e rivelazioni. La musica di questo Vivaldi è paradigmatica nella sua purezza espressiva e nella sua maturità drammatica: il grandioso recitativo accompagnato «Squarciami pure il seno» o la tempestosa aria «Solca il mar» si stagliano, fra brani di struggente bellezza, come vertici dell’arte operistica vivaldiana.

La fosca scena neorealistica è opera di Nicolas Bovey mentre i costumi sono di Ursula Patzak, già costumista (e premio Donatello) per il recente film di Mario Martone Noi credevamo. Le luci sono di Riccardo Tonelli.

Federico Maria Sardelli sul Tigrane di Vivaldi (mp3)

Il cast si compone di giovani e già affermati talenti provenienti da tutto il mondo: Antonio Giovannini, controtenore recentemente in scena a Versailles nel Teuzzone, sempre di Vivaldi, e poi Paola Leggeri, Matteo Mezzaro. Suzanne Langner, Nora Lentner, Kimberley Boettger Soller.

Ma nel Festival, fondato nel 1967 dai coniugi inglesi Peter Hunt e Gillian Armitage, convivono da sempre diverse anime, e alla rappresentazione dell’opera si intrecciano anche quest’anno altre manifestazioni.

Per l’apertura del Festival, il 2 luglio, si terrà presso il Chiostro di S. Francesco a Barga un Concerto per i 150 anni dell’Unità d’Italia con l’esecuzione dell’unico esempio di musica da camera di Giuseppe Verdi: il virtuosistico Quartetto in Mi minore, un riconosciuto capolavoro che sarà abbinato nella serata con il Quartetto n.14 in re minore di Franz Schubert, conosciuto come “La morte e la Fanciulla”. L’esecuzione è affidata al Quartetto le Musiche con i violini Simone Bernardini e Christophe Horak, entrambi membri dei Berliner Philharmoniker, Andreas Willwohl, prima viola dell’Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino e Ulrike Hoffman, primo violoncello dell’Orchestra Sinfonica di Stoccarda.

Nei giorni seguenti, dal 3 al 6 luglio e poi il 10 luglio, si svolgeranno altri concerti dell’orchestra residente del Festival, l’Ensemble Le Musiche di Simone Bernardini, nei luoghi più caratteristici di Barga e delle frazioni, nell’ambito del Progetto Musica nei Borghi. Insieme ai membri del quartetto Le Musiche si esibiranno altri giovani musicisti da tutto il mondo. L’orchestra si sposterà successivamente a Bagnone, per preparare ed eseguire i concerti previsti nel periodo 12 – 17 luglio.

Finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Toscana, dalle Province di Lucca e Massa Carrara nonché dalle Fondazioni bancarie della Cassa di Risparmio di Massa Carrara, di Lucca e della Banca del Monte di Lucca, il progetto dipende anche dall’ospitalità e dall’amore per la musica dimostrati dai Comuni coinvolti, consapevoli che la cultura, oltre a formare le menti e il cuore dei cittadini, rappresenta un valido investimento anche in termini di valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi a: OperaBarga – Associazione Culturale Teatro e Musica

Via della Fornacetta, 11
55051 Barga (Lu)

Tel./Fax
E-mail
Sito

0583 723250
operabarga@gmail.com
www.operabarga.it

PROGRAMMA

SABATO 2 LUGLIO – CONCERTO D’APERTURA – Barga (LU), chiostro di San Francesco

PER I 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA

Quartetto Le Musiche

Giuseppe Verdi, Quartetto in Mi minore
Franz Schubert, Quartetto n.14 in re minore ‘La morte e la fanciulla’

Violini: Simone Bernardini e Christophe Horak
Viola: Andreas Willwohl
Violoncello: Ulrike Hoffman

DOMENICA 3 E MARTEDÌ 5 LUGLIO – Barga (LU), Chiostro di S. Elisabetta

Concerti dell’Ensemble Le Musiche di Simone Bernardini (primo violino dei Berliner Philharmoniker)

Musiche di Verdi (Quartetto), Schubert (La morte e la fanciulla), Beethoven (Quartetti), Dvorak,
Mendelssohn.

Biglietti: intero € 5, ridotto € 3

MERCOLEDÌ 6 LUGLIO – Fornaci di Barga (LU), Aia del Beniamino

Concerto dell’Ensemble le Musiche di Simone Bernardini (primo violino dei Berliner Philharmoniker)

Biglietti: intero € 5, ridotto € 3

VENERDÌ 8 E SABATO 9 LUGLIO – Barga (LU), Teatro dei Differenti

L’amore trionfante dell’Amore e dell’Odio, ovvero
IL TIGRANE (Atto Secondo)

di Antonio Vivaldi su libretto di Francesco Silvani. Prima rappresentazione italiana in epoca moderna.

Direttore:
Regia:
Scene:
Costumi:
Luci:
Orchestra:

Interpreti:
Cleopatra
Tigrane
Mitridate
Oronte
Apamia
Clearte

Biglietti: primi posti € 25 (ridotto 20) – secondi posti € 20 (ridotto 15€).

Federico Maria Sardelli
Dagny Muller
Nicolas Bovey
Ursula Patzak
Riccardo Tonelli e Nicolas Bovey
Modo antiquo

Paola Leggeri
Antonio Giovannini
Matteo Mezzaro
Suzanne Langner
Nora Lentner
Kimberley Boettger Soller

DOMENICA 10 LUGLIO – CONCERTO DI CHIUSURA – Barga, Chiostro di S. Elisabetta

Ensemble Musiche di Simone Bernardini

Musiche di Onslow e Mendelssohn

TUTTI GLI EVENTI INIZIANO ALLE ORE 21

Leave a Reply

Be the First to Comment!

Notify of
wpDiscuz